About Pain

 

 

 

PAIN

An exhibit of around 40 small paintings about the human pathos of our times, about loneliness, marginalization, the passing of time, fear, losses, and scars as well as insanity and emotional breakdowns due to life’s challenges, traumas, conflicts, wars, holocausts present and past.

The paintings are black, made with a special  custom made tempera medium from coal.  The black powder represents the consumption of the matter, the blackness and the dark matter, the pain of death and sometimes abuse and torture as well as the hope of rebirth from the ashes. My project analyzes the expression of pain, oppression, and depression of the human psyche. The pain is neither of antiquity nor modernity, it has no time, dimension or space because it keeps on accompanying humans in the postmodern contemporary world. Nothing has changed about it. It only changes faces an even then from individual to individual the expression of suffering is universal.

There are 5 rooms or sections:

Depression and loneliness, Insanity, War, The vanishing, Standing.

 

DOLORE

Una mostra di circa 40 piccoli dipinti sul pathos umano dei nostri tempi, sulla solitudine, l’emarginazione, il passare del tempo, la paura, le perdite e le cicatrici, oltre alla pazzia e ai crolli emotivi dovuti alle sfide della vita, ai traumi, ai conflitti, alle guerre,  agli olocausti presenti e passati.

I dipinti sono neri, realizzati con uno speciale mezzo a tempera  di carbone fatto su misura. La polvere nera rappresenta il consumo della materia, l’oscurità e la materia oscura, il dolore della morte e talvolta l’abuso e la tortura, nonché la speranza della rinascita dalle ceneri. Il mio progetto analizza l’espressione del dolore, dell’oppressione e della depressione della psiche umana. Il dolore non appartiene né all’antichità né alla modernità, non ha tempo, dimensione o spazio perché continua ad accompagnare gli umani nel mondo contemporaneo postmoderno. Nulla è cambiato a riguardo. Cambiano solo i volti e persino da individuo a individuo l’espressione della sofferenza è universale.

Ci sono 5 stanze o sezioni:

Depressione e solitudine, Follia, Guerra, Gli scomparenti, In piedi.